I rigori li sbaglia solo chi ha il coraggio di tirarli.
(Diego Armando Maradona)
.
Tutto è inizato da questa bimba con i capelli verdi.
E’ stata per lei che Arianna Pomposelli, un atleta di punta della Nazionale italiana di calcio a 5​, l’anno scorso in Marzo mi ha contatato.
.
Aveva bisogno di un nuovo logo per il suo progetto sportivo Be Brave .
 voglio che sia tu a disegnarlo, perchè le bambine che disegni mi piacciono molto“.
Be Brave​ è un ​progetto sportivo per far conoscere il calcio a 5 alle ragazze e lasciarle libere di sceglierlo come sport da praticar​e. 
.
Dopo pochi giorni la consegna, Arianna, mi ha telefonato (ci eravamo sentite sempre via mail) per dirmi
Grazie, hai disegnato quello che era nella mia testa, non solo un idea, un emozione“.
La telefonata prosegue ed Arianna mi spiazza parlandomi di questo suo sogno
sai io amo i libri illustrati e ne vorrei dedicare uno al Be brave, pensi si possa fare?
Cosa avresti risposto tu?
.
.
Posso dirti cosa ho risposto io:  si certo Arianna, si può fare ma servono tanti soldi.
ok cerco gli sponsor
.
Dopo 7 giorni abbiamo iniziato i lavori.
Io adoro questa donna giovanissima, cosi dinamica e intraprendente.
.
Arianna mi ha dato l’ok per iniziare i lavori a Giugno. Ricordo che io ero al mare, e il suo mandato è stato realizzare un libro per il Be Brave, che raccontasse di una bambina che gioca a calcio, superando le difficoltà.
E basta!
E’ bellissimo e spaventoso avere tanto margine di lavoro.
.
Ho passato più tempo a definire come costruire il libro che a realizzarlo.
E’ stato un lungo e lento raccogliere tasselli, idee, nuvole sparse che forse potevano servire.
Avrà un nome che lasci il dubbio, non si capirà subito che è una bambina
perchè è coraggiosa?
E’ da sola?
domande domande domande
.
Ricordo che in quella settimana al mare passeggiando con la mia amica Laura, gli ho racconatato del progetto e lei ha suggerito un intervista alla radio : sai parlavano delle prime calciatrici, che giocavano con i gonnelloni … cercala è stupenda.
Quella chiacchierata è stata illuminante, è stata la svolta.
E’ la nonna la giocatrice di calcio della famiglia!
Perchè su una cosa la mia cliente è stata categorica, il papà non gioca a calcio con sua figlia.
.
Di contro io ho fortemente voluto che questa bambina così coraggiosa avesse più di una persona che ruotasse attorno a lei.
Nel libro Andrea è protagonista, nella scena dove lei mantiene la calma contro gli insulti è sola, ma accanto a lei nella sua vita ci sono molte altre persone importanti che la sostengono: gli amici di squadra, la sua allenatrice, la sua nonna, il suo papà e la sua mamma … e quasi dimenticavo il suo cane sempre presente!
.
Mi sono dilungata davvero tanto, ti lascio guardare i video dove leggo il libro e ti racconto altro.
Se ho dimenticato di raccontare qualcosa, chiedi pure!
.
Per  acquistare Be brave contatta Arianna Pomposelli , come ho scritto il libro fà parte del progetto sportivo Be Brave e non si trova in libreria, chissà in futuro Arianna non decida di cercare una casa editrice che adotti la storia di Andrea.
Ma soprattutto raccontami, ti è piacuta questa storia?