Sii sempre in guerra con i tuoi vizi, in pace con i tuoi vicini, e lascia che ogni nuovo anno ti trovi un uomo migliore.
(Benjamin Franklin)
.
.
Per iniziare il  nuovo anno nel migliore dei modi ho pensato di proporti un gioco creativo…e tanti gattini!
In questi giorni di festa ho avuto il tempo per dedicarmi ad un piccolo lavoro manuale, ho realizzato un collage sulla porta scorrevole che mio marito ha costruito nel nostro studio. Il lavoro, sia mio che di Alex, non è completo, ma direi che sia a buon punto.
.
Può sembrare un semplice collage ma per me è una rete di ricordi, progetti e promemoria per il futuro.
Una  vision bord che traccia i sentieri nella mia vita.
.
:
Ho sempre amato realizzare questi collage, ma solo dopo aver letto il libro di Julia Cameron gli ho dato un senso diverso.
Non è solo un collage, può divernare il tuo promemoria per il futuro, per qualcosa su cui vuoi porre la tua attenzione.

Per creare il collage ho utilizzato: illustrazioni e foto messe da parte in questi anni, disegni miei e di mio figlio Matteo, e poi parole ritagliate da riviste di moda. Gli spazi che si sono creati li dipingerò di bianco.

Tu puoi realizzare la tua visual board, su un semplice foglio A3, ti assicuro è rilassante e magico.

.

Ti lascio le istruzioni dal libro di Julia:
– ritaglia e raccogli immagini da varie riviste
– poniti un limite di tempo per fare questo lavoro, 20 massimo 30 minuti
– strappa o ritaglia tutte le immagini che riflettono la tua vita, i tuoi interessi
– è una tua biografia in forma di immagini
– è il tuo passato, presente, futuro
– sono i tuoi sogni … ma puoi includere immagini che semplicemente ti piacciono
– prendi un foglio formato A3 o più grande, dove poter incollare le immagini raccolte
– forbici, colla o nastro adesivo (però io preferisco la colla)
– ed ora sistema le immagini come meglio credi sul foglio
io amo inserire anche delle parole insieme alle immagini.
Diventano parole guida o evocatrici, sono delle stelle luminose che mi indicano il cammino.
.
Ho proposto questo gioco in vari workshop ognuno ritaglia quello che ama e nel modo che meglio crede.
Io sono rigorosa, traccio rettangoli o quadrati, ma alcune alunne hanno strappato, ritagliato nei contorni … insomma sentiti libera di fare quello che senti.


.
Solo un piccolo consiglio, prenditi tempo per fare questo lavoro lasciando libera la mente, lontana da distrazioni.
Non è un obbligo è un gioco, e come tale diventa magico.

Su coraggio, io aspetto di vedere la tua creazione!