//libri come semi | inizia un nuovo anno

libri come semi | inizia un nuovo anno

Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso.
(Daniel Pennac)

io ad Ottobre 2018 per Io Leggo Perchè

Ieri mi è stata posta una domanda da una delle corsiste on line, su un argomento a cui io tengo moltissimo: leggere ai bambini
Eleonora in particolare mi ha chiesto: come leggere libri ai bambini.
Apparentemente è una domanda semplice, ma non lasciatevi ingannare leggere libri ai bambini apre riflessioni infinite.
.
Ho deciso di iniziare a parlare di libri illustrati prima di tutto agli adulti, 6 anni fà, quando mi sono accorta che molti genitori sanno poco o nulla sul mondo immenso e meraviglioso che si nasconde dietro un libro illustrato.
Quasi contemporaneamente ho iniziato a leggere con i bambini, quando mio figlio è entrato nella scuola pubblica.
Ricordo la prima lettura è stata durante la scuola dell’infanzia con bambini di 4 anni. Ero terrorizzata!
.
Ho iniziato a leggere ai bambini spinta da una motivazione: condividere qualcosa di bellissimo. 
Le maestre che mi hanno conosciuto, con cui ho avuto il piacere di collaborare hanno detto di me:
sei bravissima i bambini sono incantati da te“.
Io penso che non sia vero, io non sono bravissima ma le storie che scelgo sono bellissime!
Questo si, presto molta cura ai libri che scelgo di portare in classe.
.
Io non sento di poter dare consigli, leggere non è il mio lavoro.
Solo una cosa sento di dire, siate onesti quando vi presentate davanti ai bambini.
Studiate, preparatevi, non leggere libri scadenti solo perchè l’ha pubblicato vostra nonna. 
C’è un immenso bisogno di storie! 
.

Libri come Semi classi 1 – anno scolastico 2017/18

.
Per i consigli invece, rimando ad una bella intervista  trovata in rete, a Carla Ghisalberti, che per me è stata maestra di lettura.
Sempre di Carla vi consiglio il suo blog Lettura Candita curato a più mani.
.
La differenza sta nella motivazione: leggere con un bambino è in primo luogo un atto pedagogico. E come tale va trattato. Lo studio del testo (pause, ritmo e l’uso della voce) si può considerare una tecnica di recitazione, ma è messa al servizio di uno scopo diverso da quello teatrale, dove la relazione tra attore e ascoltatore non ha riscontro immediato, giocoforza.”
(Carla Ghisalberti dall’intervista su MilkBook)
.
Buona lettura.
.
nota tecnica:
il 2 Febbraio riprenderò le letture di Libri come Semi nella scuola Primaria a Gioia del Colle, l’elenco dei libri che porterò con me, è quasi pronto, intanto vi lascio una galleria di alcuni dei libri letti negli scorsi anni
.
By |2019-01-25T10:06:23+00:00gennaio 25th, 2019|Senza categoria|0 Comments

Leave A Comment